torna indietro

PAOLO PATELLI
Dipingere ogni giorno
OPERE 1960-2014

A cura di Michele Beraldo e Dino Marangon
Villa Contarini (Piazzola sul Brenta - PD) 28 giugno marzo // 28 settembre 2014

Dopo l’ampia mostra antologica che il museo Revoltella di Trieste ha dedicato nel 2005 a Paolo Patelli, non meno significativo è l’evento che la Regione del Veneto si appresta ora a realizzare in occasione dei suoi ottant’anni. Questa volta la sede espositiva è la straordinaria dimora storica Villa Contarini a Piazzola sul Brenta.
La mostra, a cura di Michele Beraldo e Dino Marangon e alla cui riuscita contribuisce il Gruppo Euromobil, si svolgerà attraverso un percorso unitario e cronologico che vedrà esposte circa 50 opere. Si potranno così osservare i primi quadri di matrice informale, quelli “geometrici” di ambito analitico, relativi alla seconda metà degli anni sessanta, ma anche le opere facenti parte della componente oggettuale, “poverista” che Patelli svilupperà nel corso degli anni settanta. Gli ultimi decenni saranno invece contrassegnati dalla pittura, affrontata  in una sempre nuova e diversa sintesi di strumenti, di mezzi, di concezioni e di modalità; efficace strumento d’indagine del possibile che Patelli ancora oggi intraprende nel suo cammino quotidiano.
L’esposizione è accompagnata da un corposo catalogo di 160 pagine edito da Allemandi, introdotto da uno scritto di Lucio Pozzi e dai testi dei curatori.

Inaugurazione 27 giugno 2014 ore 18.30

QUANDO: dal 28 giugno al 28 settembre 2014

CURATORI. Michele Beraldo, Dino Marangon

OPERE ESPOSTE: Circa 50, dal 1960 al 2014, di proprietà dell’artista e provenienti da collezionisti privati.

CATALOGO: Allemandi editore, 160 pp.
Testi di Lucio Pozzi, Dino Marangon, Michele Beraldo e Paolo Patelli.

Paolo Patelli è nato in Istria nel 1934, vive nel Veneto dal dopoguerra, attualmente in provincia di Treviso.
Laureato all’Università di Padova, ha insegnato pittura alla New York University, ed è stato docente e lettore in Gran Bretagna a Sheffield e Norwich. Ha avuto la cattedra di pittura all’Accademia Belle Arti di Venezia e un incarico di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Cà Foscari a Venezia.
Ha avuto dal 1962 circa novanta mostre personali a Milano (galleria del Milione, galleria Vinciana, galleria Plurima), Verona (Studio La città, tre volte), Vienna (gallery Nacht St. Stephan), Ginevra (galerie Blancpain - Stepcinski), Livorno (galleria Peccolo), Napoli (Modern Art Agency di Lucio Amelio), Venezia (galleria del Cavallino  - nove volte),  ed altre città.
Ha partecipato sette volte alla Fiera Basilea, sette al FIAC di Parigi sei alla Fiera di Colonia, dodici a quella di Bologna, ed inoltre a quelle di Madrid, Stoccolma, Berlino, Zurigo, Francoforte, Amsterdam, Bari, Bruxelles, Milano, Torino, Firenze, Losanna, Ostenda, Dusseldorf.
Lavora sin dall’ inizio nell’ambito della astrazione, vicino alla pittura analitica, e negli anni Settanta è stato associato alla linea cosiddetta di Pura Pittura, e con i suoi aderenti ha esposto più volte, pur differenziandosi per la propensione alla pittura di gesto.
Nel 2005 il Museo Revoltella di Trieste gli ha dedicato un’ampia mostra antologica.