torna indietro

SAVERIO BARBARO Itinerario d'Oriente

Pieve di Soligo, Villa Brandolini
17 Maggio // 21 Giugno
Inaugurazione sabato 16 maggio ore 18.00

La mostra è un’occasione per  riflettere sulla realtà sociale e culturale nord-africana, felicemente rappresentata nelle opere dell’artista veneziano. Le relazioni, così intense e profonde, che Saverio Barbaro ha stabilito nel tempo con il mondo arabo, non sono mai state utilizzate come una forma occasionale di evasione dal mondo occidentale. Non essendosi mai inoltrato in quei luoghi da avventuriero o da sconsiderato e improvvido viaggiatore, il suo accostarsi al mondo africano è avvenuto nel pieno rispetto di quella realtà. L'attualità della pittura di Barbaro sta infatti nel volere farci pensare all'uomo africano "non inteso come notizia generale, asservito al proprio destino di miseria", ma come "all'essere che vuole vincere la sua distruzione e, attraverso la meditazione sulle proprie forze, riscattare se stesso in una conquista di dignità di vita".
In questo itinerario lungo gli Stati Arabi del nord Africa, dal Marocco all’Algeria, dalla Tunisia alla Libia e da lì fino in Siria e Asia Minore, egli è stato testimone di un mondo che si compone di aspetti a tratti anche barbarici e primitivi ma che poi si completa di contenuti che vogliono andare al di là delle apparenze. Il suo itinerario d’Oriente non è infatti un semplice viaggio o un permanere isolato e appartato rispetto alle culture di quei luoghi.
“Vorrei invece si pensasse – scrive Michele Beraldo nella nota introduttiva al catalogo della mostra-  a questo itinerario come a un lungo cammino interiore che Saverio Barbaro, tramite la sua pittura, ha voluto condividere con tutti noi; la cui veste esterna è nella messa a punto di una nuova estetica, ma il cui scopo principale è quello della conoscenza, della comprensione e della fratellanza”.